Formazione

MUSICA IN SCENA / SCENA IN MUSICA
Musicalità e ascolto
‘Il laboratorio’

Il progetto parte dalla necessità di adottare le tecniche e gli strumenti più propriamente teatrali nel settore musicale. Il teatro è considerato il mezzo di comunicazione per eccellenza che coinvolge direttamente l’individuo a confronto con il pubblico: essere su un palcoscenico implica il bisogno, la tecnica, l’arte di indirizzare alla platea un progetto, un’idea, un’emozione e quest’ultima ha bisogno di trasparenza e chiarezza sufficiente per essere percepita. Questo tipo di linguaggio è trasferibile a tutte le attività che avvengono in palcoscenico, permettendo di sviluppare le capacità di ogni partecipante all’analisi della propria individualità e alla conoscenza di sé.

Il lavoro sull’osservazione, la memoria, la gestualità e le emozioni permette di sviluppare l’espressività, aiutando la capacità improvvisativa e quindi creativa, necessaria per favorire il processo di individuazione nella fase di crescita psicologica. In questo la musica occupa un ruolo fondamentale come mediatrice di emozioni e momento di condivisione con gli altri: attraverso l’apparato sensoriale esterno, la musica risuona anche all’interno del nostro corpo diventando così veicolo privilegiato di aiuto e supporto alle emozioni. Il concetto di ascolto è quindi indispensabile per sviluppare la consapevolezza di se stessi e, tramite i livelli di attenzione, per rimanere sempre in contatto con il gruppo. Analogamente al suono della parola, il suono musicale definisce lo spazio in cui ci troviamo, con un’implicazione in più, quella affettiva/emozionale.

Con il lavoro sull’ascolto ed attraverso tecniche più propriamente sceniche, si analizzano le caratteristiche dello ‘stare’ in scena, in un contatto attivo tra palcoscenico e pubblico, mediante tre fasi principali:

1. Ascolto e consapevolezza d’insieme, attraverso un lavoro di training finalizzato alla conoscenza di sé e al sentirsi anche sul piano percettivo : un riscaldamento dolce durante il quale non si spinge il fisico verso l’estremo ma dove si scoprono lentamente tutte le sensazioni e gli stimoli che arrivano dal nostro corpo.

2. Definizione dello spazio sonoro e presenza scenica: parola, suono, voce, strumento.

3. Arrangiamenti e scrittura nel concetto d’insieme, modalità musicali di esecuzione e improvvisazione legate alla scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *